E adesso, riordiniamo la libreria!

Un decalogo e un calendario di webinar per avvicinarsi al mondo dei social
13 Marzo 2020
Quei curiosi dolcetti gialli…
21 Marzo 2020

E adesso, riordiniamo la libreria!

libreria

Tempo ne abbiamo, la paura, in un modo o nell’altro, l’abbiamo esorcizzata, e adesso riordiniamo la libreria.

La prima settimana di emergenza coronavirus è terminata e, se ci giriamo indietro a valutarla nel suo insieme, la vediamo chiaramente contraddistinta da una serie di reazioni di ogni tipo, messe in atto da una umanità varia ma soprattutto smarrita e confusa.

Tutto comprensibile. Tutto molto umano. Perché le reazioni, nel bene come nel male, erano comunque dettate dalla volontà di reagire in qualche modo all’inevitabile sgomento causato dall’improvvisa e inattesa imposizione di un radicale cambiamento di vita e di abitudini. Cerchiamo dunque di essere indulgenti con noi stessi e con gli altri e fermiamoci un attimo a riprendere fiato.

Dopo aver chiarito cosa significa mangiare sano di questi tempi, http://www.workdiary.it/2020/03/mangiare-sano-cosa-vuol-dire/ dopo avervi invitati a cogliere l’occasione per familiarizzare con il mondo dei social, http://www.workdiary.it/2020/03/un-decalogo-e-un-calendario-di-webinar-per-avvicinarsi-al-mondo-dei-social/ il suggerimento che vogliamo darvi questa volta è quello di riscoprire il piacere della lettura. Ma per farlo nel migliore dei modi è necessario prima riordinare la biblioteca di casa.

Grande o piccola, tutti ne abbiamo una e tutti, immancabilmente, sappiamo di avere un libro iniziato e mai finito, uno prestato e mai tornato indietro, un altro ancora desiderato e mai acquistato e non manca nemmeno il doppione dovuto a un regalo inopportuno o a un acquisto fatto senza riflettere. Ebbene, il momento del riordino è anche l’occasione giusta per terminare il volume lasciato a metà, per telefonare all’amico che avrà tutto il tempo di cercare il nostro libro e inviarcelo tramite corriere, per programmare i prossimi acquisti in maniera intelligente, e per regalare il doppione a qualcuno. Scusate se è poco!

Per prima cosa dobbiamo individuare e rinfrescare la location.

Se siamo fortunati ad avere in casa una stanza adibita a studio o addirittura esclusivamente a biblioteca, non sarà difficile e sarà sufficiente svuotare tutti gli spazi sistemando temporaneamente i libri su un tappeto al centro della stanza suddividendoli in aree tematiche. In tal modo faciliteremo il lavoro successivo di risistemazione, dopo aver spolverato e, perchè no, anche lucidato gli scaffali se sono di legno.

Se invece non abbiamo uno spazio dedicato, approfittiamo dell’occasione per usare i nostri libri come elemento d’arredo. Ad esempio potremmo sistemare in cucina i libri di ricette. In camera da letto la narrativa, etc.

In ogni caso la prima grande suddivisione dovrà essere fra letteratura e saggistica. Poi, all’interno delle due categorie potremo distinguere altre aree tematiche.

Ad esempio la letteratura si potrà distinguere in rosa, gialla, poesia, polizieschi, fantasy. Mentre la saggistica avrà le aree dedicate ai propri personali interessi ovvero, manualistica, turismo, informatica, filatelia e numismatica, fotografia, filosofia, moda e costume, religione, esoterismo.

Altri infine, non mancano di suddividere i propri libri, tutti indistintamente oppure solo la narrativa, in base all’area geografica degli autori, es. letteratura italiana, francese, spagnola, orientale, etc e poi, all’interno dei vari paesi, ordinare gli autori per data.

Una suddivisione quest’ultima che noi vi consigliamo vivamente soprattutto per la narrativa perché vi consentirà di avere una panoramica sintetica e completa ma soprattutto vi aiuterà a verificare eventuali lacune da colmare nei prossimi acquisti, evitando doppioni e soprattutto l’arricchimento di settori in cui siete già abbastanza forniti, esempio la letteratura italiana, a scapito di altri, ad esempio la letteratura orientale.

Altri spunti, idee e approfondimenti li potrete trovare a questo link www.ilLibraio.it

Invece se desiderate qualcosa di più professionale leggete qui https://www.aranzulla.it/come-catalogare-e-archiviare-libri-17448.html

Non ci resta che augurarvi buon lavoro.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *